+49 (0) 6205 2860930     +49 (0) 06205 2329599    info@glowdrill.com
  • Deutsch
  • English
  • Español
  • Русский
  • Italiano
  • Français

Domande frequenti

1. Come funziona il trapano ad attrito Glowdrill?

Il trapano ad attrito Glowdrill consente di perforare il materiale senza bisogno di tensione. Con questo metodo il materiale non è rimosso, bensì, grazie alla pressione e al calore, ammucchiato e compattato a forma di cuscinetti, che sono quindi frutto dello spostamento e non dello scarto di materiale. Questo procedimento omogeneo consente non solo di migliorare la resistenza del materiale, ma anche di risparmiare tempo e di ridurre gli scarti lavorativi. La forma e il diametro dei fori sono determinati dalla parte cilindrica del trapano.

2. Che cosa fare quando si è alle prime armi?

Per effettuare fori senza problemi, è necessario che il trapano sia centrato sul materiale in maniera corretta. Il mandrino a pinze a doppio cono e le scanalature di raffreddamento Glowdrill sono un utile supporto per quest’operazione, perché così assicurano una posizione stabile del trapano. Le scanalature di raffreddamento evitano il surriscaldamento dell´utensile. Inoltre, l´uso di un agente distaccante è importante per una corretta funzione del trapano. Se non si è esperti in questo tipo di lavori, consigliamo il KIT per principianti Glowdrill, il quale contiene tutti gli accessori base del trapano.

3. Di che materiale è fatto il trapano?

Il trapano Glowdrill è un prodotto di metalli duri altamente resistenti, sinterizzati in maniera speciale e forgiati in materiali pieni che sono poi arrotati per arrivare al trapano Glowdrill. A seconda del settore di impiego il trapano Glowdrill è prodotto in 3, 4 o 6 varianti.

4. Qual è il trapano adatto ai miei bisogni?

La scelta del trapano è determinata dal tipo di filettatura che si desidera operare es: filettatura metrica, filettatura metrica di precisione o filettatura Withworth. Una volta determinata la filettatura sarà possibile facilitare la scelta del trapano con l´aiuto del menu a tenda sull´attuale pagina di acquisto, dove si può trovare il prodotto adatto seguendo quattro criteri di ricerca: il tipo di trapano (con collo, tipo “Form”, o senza, tipo “Cut”), il diametro della filettatura (es: M8), il modo d´uso della filettatura (taglio filettato o filettatura successiva) e la lunghezza del trapano (corto o lungo).

5. Quando utilizzo un trapano lungo e quando uno corto?

La lunghezza del trapano dipende dalla resistenza del materiale e dal tipo di foro che si desidera fare. Particolare attenzione va posta ai profili dei tubi, che non devono essere più lunghi del trapano. Altre informazioni sul nostro catalogo Glowdrill sulla pagina download.

6. Quali materiali possono essere perforati?

Il trapano Glowdrill è adatto a tutti materiali di uso comune, così come per le leghe di acciaio, acciaio semplice, acciaio inossidabile, materiali di fissaggio, l´alluminio e le sue leghe, rame, ottone e leghe speciali, oltre che a tubi di sezione circolare o quadrata e lamine di metallo.

7. Cosa significa spessore massimo e/o minimo del materiale?

La perforazione può essere eseguita con uno spessore minimo di 0,5mm, al meglio se il materiale si trova su un piano di appoggio che eviti che questi si pieghi. Per ridurre la pressione sul materiale si consiglia l´uso di una sagoma di foratura o di un foro pilota. Lo spessore massimo del materiale è di 10mm o più, il che richiede una grande forza motrice. Lo spessore negli usi più comuni è di 1 – 3mm. È impossibile effettuare un foro con materiali pieni, solo fori passanti.

8. A quanto ammonta la resistenza del trapano?

La resistenza del trapano per forature dell´acciaio è di 3000 forature, quella dell´acciaio inossidabile di 1500 – 2000 forature, dell´alluminio di 1000 e più forature. In caso di un ottimo sistema di controllo CNC la resistenza del trapano può essere maggiore.

9. Che tipo di forza motore ho bisogno per il mio trapano?

In genere la perforazione avviene con qualsiasi tipo di motore, a condizione che questo possa fornire il numero di giri e i kW necessari per un corretto funzionamento del trapano. Altrimenti si possono utilizzare trapani a supporto e sistemi di controllo CN o CNC, es: per creare un cuscinetto per una filettatura tipo M8 in una lamina di 2mm di spessore, è necessario lavorare con un numero di giri pari a 2100 giri al minuto e con una potenza di 1,5 kW.

10. È possibile ottenere gli stessi risultati con un semplice trapano di uso domestico?

Generalmente no, poiché altre tipologie di trapano non sono in grado di raggiungere la potenza e il numero di giri richiesti per questo tipo di lavori. Con il trapano manuale si corre il rischio che l´attrezzo s’inclini e si rompa. Inoltre, il trapano rischia di non poter abbattere la forza di bloccaggio e che quindi la punta giri nel lubrificante, rovinando la superficie di lavoro.

11. È possibile utilizzare un mandrino a tre scanalature?

No, altrimenti si corre il rischio che il trapano si rompa e che il fuso al suo interno si surriscaldi.

12. Come funziona la punta per filettatura e che vantaggi ho utilizzandola?

La punta per filettatura non applica tensione, poiché la punta sposta la massa dei cuscinetti di materiale in scanalature e compatta tramite una lavorazione a freddo la superficie di lavoro, raggiungendo così un’alta resistenza e precisione delle filettature. La punta può essere utilizzata per qualsiasi tipo e direzione di filettatura, importante è che il numero di giri con cui si lavora sia alto (da 3 a 10). Si può lavorare con una punta per filettatura anche con trapani manuali, a patto che funzionino con la giusta quantità di potenza. I vantaggi della punta per filettatura sono: incremento della velocità del lavoro e della resistenza del materiale, trame altamente resistenti e precise, incremento della produttività grazie alla rapidità di lavoro.

13. Quanto resitenti sono le trame Glowdrill?

I collegamenti a vite formati dalla punta per filettatura hanno un’alta resistenza a pesi dinamici e statici, derivata dallo spianamento a freddo dei cuscinetti di materiale. La filettatura a freddo aumenta anche la resistenza delle fibre del materiale, così che la robustezza e la precisione delle filettature siano incrementate.

14. Perché e con che frequenza si devono usare lubrificante e distaccante?

Con l´uso dell´agente distaccante si evita che i residui di materiali e/o i trucioli rimangano incollati al trapano. Inoltre, dato che il distaccante varia a seconda del materiale da lavorare ed è a prova di calore, la resistenza della superficie è incrementata, insieme alla qualità del collo del trapano e dei cuscinetti. In genere si consiglia di applicare regolarmente l´agente distaccante sul trapano. In caso di perforazione dell´acciaio, si consiglia di lubrificare manualmente il trapano ogni 3-4 fori. Con altri materiali si consiglia di applicare l´agente distaccante su tutta la lunghezza del trapano prima di ogni foro. Consigliamo lo stesso in caso di perforazione automatizzata. Per questa operazione abbiamo sviluppato una spalma-distaccante Glowdrill che può essere acquistata su richiesta.

15. Quali sono gli usi tipici del trapano Glowdrill?

Il trapano Glowdrill costituisce un´alternativa in termini di costi a dadi saldati, di pressione e rivetti, creando così innumerevoli possibilità d´impiego nell´industria siderurgica. Fanno parte dei tipici settori d´impiego:
•Industria automobilistica: filettature per sonde Lambda nel tubo di scarico e deposito per alberi motore.
•Mobili in acciaio: montatura delle ruote di plastica
•Tubature: montaggio delle sbarre per circuiti di riscaldamento modulare
•Sistemi di ventilazione: filettature per il montaggio ventole
•Edilizia: fissaggio supporto vetri, corrimano e maniglie

16. Perché scegliere Glowdrill?

Sono molti i motivi per scegliere i trapani ad attrito Glowdrill:
•Formazioni di cuscinetti stabili per collegamenti a vite e giunture di saldatura.
•Metodo di lavoro privo di tensione
•Risparmio di materiale, di tempo e di lavoro
•Nessun bisogno di dadi per saldatura
•Maggiore sicurezza grazie all´omogeneità della superficie del materiale
•Ottimizzazione della resistenza del materiale
•Perfetta qualità della superficie del materiale
•Niente costi aggiuntivi a causa di scarti e/o rifiuti
•Enorme sicurezza lavorativa grazie alla resistenza dei metalli duri dell´utensile